Angoli

blu

Torno
a frugare gli angoli
degli occhi
dove il buio t’ha aggrappato
tra l’onda e l’ombra
                                    ombelico e corda
 
Indugio
in punta di lingua
cercandoti negli angoli
della mia bocca
dove la sete t’ha strappato via
troppo di fretta
                                    latte di mandorla
 
Lascio
che il vento scuota
a colpi di carezze
il cuore
steso via come un lenzuolo
sgualcito
dove lo sporco è dolce
umido e pieno
e nei suoi mille angoli
                                    aghi e cuciture
si fa di te
prigione
e scrigno.
  
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...